1,300 Harbor cloud storage vulnerabile agli attacchi: aggiorna immediatamente!
INFOSEC

1,300 Harbor cloud storage vulnerabile agli attacchi: aggiorna immediatamente!

I ricercatori dell'Unità 42 di Palo Alto Networks hanno scoperto una vulnerabilità critica in un popolare sistema cloud open source.
Leggi di più
INFOSEC

Scansione antivirus TOP per scansionare in sicurezza un allegato e-mail sospetto

Normalmente abbiamo tutti un software antivirus che risiede sui nostri computer per proteggere i file di dati da malware ...
Leggi di più
INFOSEC

WannaCry ransomware continua a invadere i computer

Il famigerato ransomware WannaCry che è diventato noto a maggio su 2017 continua a invadere i computer. I risultati stanno arrivando oggi ...
Leggi di più
INFOSEC

Le bande albanesi usano criptovalute per il riciclaggio di denaro

La polizia britannica è particolarmente preoccupata dal momento che le "famose" bande albanesi, coinvolte nei circuiti di cocaina, stanno ora utilizzando ...
Leggi di più
INFOSEC

La frontiera digitale tedesca per gli attacchi informatici!

La Germania sta sviluppando una nuova strategia per la sicurezza informatica che introdurrà i confini digitali in caso di un attacco informatico particolarmente aggressivo.
Leggi di più
Ultimi Messaggi

Come abilitare la protezione ransomware in Windows Defender

Protezione

Gli utenti di finestre 10 sapere che il sistema operativo ha incorporato antivirus Windows Defender. Windows Defender ha una funzionalità importante, il ransomware Protezione, che è disabilitato per impostazione predefinita. Questa funzionalità esiste già nell'aggiornamento 10 di Windows, 1709. Tuttavia, molti utenti non conoscono la sua esistenza.

Questo è molto brutto se lo pensiamo attacchi il ransomware è molto comune e molto pericoloso in quanto crittografa i dati delle vittime e non consente loro di accedere fino al pagamento del riscatto. Certo, non esiste alcuna garanzia dati sarà decifrato dopo il pagamento.

Perché la protezione da ransomware è disabilitata?

Sebbene la protezione da ransomware sia presente in Windows 10 per impostazione predefinita, è necessario abilitarlo da soli.

Essere disabilitati può essere dovuto al fatto che Windows Defender può rilevare legittimi applicazioni come minacce e bloccarle. Tuttavia, il problema che potrebbe derivare da un attacco ransomware è maggiore del blocco di applicazioni legittime.

Ecco la procedura da seguire per abilitare la protezione ransomware in Windows Defender:

  1. Fai clic sul pulsante Start e seleziona Impostazioni.
  2. Fai clic su "Aggiorna e sicurezza".
  3. Nel riquadro sinistro della nuova finestra, fai clic su Sicurezza di Windows.
  4. Fare clic su "Protezione antivirus e minacce»(Protezione da virus e minacce).
  5. Scorri verso il basso e tocca "Protezione ransomware".
  6. Fai clic sul pulsante "Gestisci protezione ransomware". Se viene visualizzato un popup UAC, fare clic su OK. In caso contrario, andare al passaggio successivo.
  7. Nella nuova finestra, trova l'opzione "Accesso alle cartelle controllate".
  8. Premere ON se è spento.

La protezione da ransomware è ora installata sul tuo computer.

Se esegui la procedura sopra descritta, Windows Defender sarà in grado di monitorare tutti i programmi che ha accesso alle cartelle e ai file protetti per impedire l'accesso a programmi sospetti.

Tuttavia, non tutti i programmi sono sospetti, ma Windows Defender può rilevare un sospetto legittimo programma. Puoi evitarlo aggiungendo programmi autorizzati in "Accesso controllato alle cartelle".

La procedura è la seguente:

  1. Nella finestra "Accesso alle cartelle controllate", fai clic su "Consenti l'accesso a un'applicazione tramite una cartella controllata".
  2. Quindi fare clic su Aggiungi per inserire i programmi desiderati nell'elenco.
  3. Puoi anche selezionare "Blocca cronologia" per visualizzare i programmi che hanno bloccato Windows Defender.

La protezione da ransomware è ottima protezione del tuo computer e può essere utilizzato in parallelo con un altro programma antivirus.

Tuttavia, non dobbiamo dimenticare che dobbiamo sempre creare backup file importanti in modo che possiamo accedervi anche se si verifica un attacco ransomware e i nostri dati sono crittografati.

Condividi
Hai un'opinione? Lascia il tuo commento

L'autore consente di copiare il proprio testo solo se si segnala la fonte (SecNews.gr), come indirizzo e-mail (URL live) dell'articolo.
Aggiornato su by
Assente Mia

Chi Siamo Assente Mia

Essere te stesso, in un mondo che cerca costantemente di cambiarti, è la tua più grande conquista

Interazioni Reader

Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non è pubblicato. Τα υποχρεωτικά πεδία σημειώνονται με *